Turismo nella Provincia di Ferrara: numeri davvero positivi

Il primo semestre del 2017 si è chiuso con dei dati estremamente positivi per il comparto turistico dell’Emilia-Romagna.

Sono state infatti 17 milioni le presenze complessive: +7,6% rispetto ai 16 milioni registrati nello stesso periodo del 2016. Gli arrivi superano i 5 milioni, +8% sui circa 4,8 milioni della prima metà dell’anno scorso. In aumento sia la clientela nazionale (+8,3% gli arrivi e +7,4% le presenze) sia quella internazionale (+7,2% gli arrivie +8,5% di presenze).

La provincia di Ferrara, rispetto al quadro regionale, si colloca ai vertici.

La provincia di Ferrara

Il primo semestre 2017 si chiude con un bilancio più che positivo. Nei primi sei mesi dell’anno la provincia è riuscita a superare anche il traguardo del milione di pernottamenti nelle strutture ricettive. E il confronto con l’analogo periodo del 2016 è significativo con quasi tutti incrementi in doppia cifra a testimonianza di una risorsa che sta prendendo piede anche nel territorio ferrarese

Ferrara

La città d’arte fa registrare nell’intero semestre un incremento di presenze del 15,7%, con una punta particolare in gennaio (+21%) ma anche nei mesi primaverili e pure giugno, si è chiuso con un +7,6%.

A fare da contorno a questi dati lusinghieri ci sono i positivi riscontri di visitatori al Castello estense, che si conferma come il monumento trainate della città. L’obiettivo è quello di raggiungere il mezzo milione di presenze all’anno, bisogna lavorarci ancora un po’, ma la strada – da percorrere in stretta collaborazione e sinergia tra pubblico e privato – sembra quella giusta.

Comacchio

I Lidi registrano numeri incredibili. Aprile a +179% e giugno a +52% di incremento che hanno portato il totale del semestre a quasi il 50% in più rispetto allo scorso anno. Si prospetta un’annata davvero record.

Cento

Aumenta anche Cento (+15,5%) forte di un febbraio/marzo carnevalesco che ha portato turisti da molte regione e da un ottimo mese di maggio.

Altri Comuni

Un mese di giugno caldo (+18,6) ha favorito gli agriturismi degli altri comuni che chiudono il semestre con un +7,7%. Segno evidente che ci sono tante ricchezze da sfruttare nel nostro territorio che va dal Delta al destra Po fino ai confini con la Romagna.

I musei

Come già scritto, il Castello di Ferrara è il museo che traina tutti gli altri. Ma di recente il Mibact ha rilasciato i dati ufficiali rispetto al 2016 e penso che ci siano alcuni numeri che vale davvero la pena di sottolineare.

I musei dell’Emilia Romagna nel 2016 hanno registrato 306 mila euro di introiti, quasi 50 mila in meno rispetto al 2015. Le presenze nei 13 musei sparsi per la Regione e riportate nelle tavole statistiche del Ministero dei Beni e delle attività culturali sono state 248.240.

La notizia che non posso non riportare, però, è che i musei del Ferrarese hanno avuto il maggior numero di visitatori di tutta la regione.

Ferrara, con i suoi 85.242 ingressi è stata la prima in Emilia-Romagna per numero di visitatori.