Sostegno alle imprese

4615194180_cea375a447_b

Più sostegno e semplificazione per la competitività delle imprese.

Per dare nuovo slancio al sistema produttivo del nostro territorio e dell’intera regione, è necessario promuovere la competitività e il lavoro stabile e qualificato. L’impresa che entra nel futuro coniuga sostenibilità ambientale, produzione di conoscenza e valorizzazione dei risultati della ricerca, continuo aggiornamento delle alte competenze tecniche, creatività e artigianalità. La Regione, con tutte le sue strutture, deve essere vicina agli imprenditori per fare in modo di mettere a frutto l’entusiasmo che li contraddistingue, mettendo a loro disposizione  strumenti facilitanti.
Principi fondamentali che guidano l’ideazione e la realizzazione degli interventi concreti a sostegno delle imprese:

  • Fiducia reciproca tra imprese e Istituzioni e responsabilità condivisa. Dobbiamo favorire azioni concertate tra Pubblica Amministrazione e il mondo delle imprese per promuovere interventi a sostegno degli investimenti per uno sviluppo competitivo dell’impresa. Governo Regionale e aziende devono fare scelte condivise e difenderle insieme, nel rispetto dei ruoli e delle competenze.
  • Sussidiarietà. Nella fase costituente nella quale ci troviamo che porterà ad una ridefinizione del sistema istituzionale senza le Province, la sussidiarietà deve diventare il faro guida. Le Regioni, da sempre percepite lontane, devono ripensarsi avvicinandosi ai cittadini e ai territori, coinvolgendoli nella programmazione delle azioni di governo e fornendo loro gli strumenti per il controllo delle stesse.
  • Innovazione. Deve diventare il principio informatore di ogni scelta, in ogni campo (istituzionale, sociale, politico, tecnologico, etc.) per modernizzare ed efficientare l’intero sistema regionale.

Azioni concrete

Negoziazione

Promuovere strumenti di negoziazione che coinvolgano imprese e pubbliche amministrazioni per sviluppare e valorizzare le risorse produttive, umane, ambientali e infrastrutturali presenti sul nostro territorio. L’obiettivo è quello di costruire accordi che permettano di stabilire tempi certi per gli interventi, impegni precisi sui posti di lavoro previsti, incentivi fiscali e, nel contempo, la possibilità, ad esempio di recuperare insediamenti già esistenti, aree dismesse, di riqualificare aree degradate o sottoutilizzate.

Accesso al credito e finanziamenti

Attualmente per favorire l’accesso al credito da parte delle Micro Piccole Medie Imprese (Mpmi) la legge prevede il potenziamento degli interventi di garanzia, tramite l’ottimizzazione e la riorganizzazione del sistema dei Confidi. È necessario realizzare una due dilingence, un’azione investigativa sullo stato dell’impresa, e sulla base degli esiti viene valutato se iniziare il percorso per la definizione di strumenti a supporto del sistema di garanzia, al fine di incrementare la sostenibilità e massimizzare i benefici per l’impresa.

Carico fiscale

Ridurre il carico fiscale  per le Micro Piccole Medie Imprese, anche attraverso risorse recuperate dall’evasione fiscale.

Dichiarazione Unica Telematica

Promuovere la diffusione e l’utilizzo di della Dichiarazione Unica Telematica con cui l’imprenditore dichiara di possedere i documenti necessari all’avvio dell’attività.

Fascicolo Elettronico dell’impresa

Mettere a disposizione di tutte le aziende il Fascicolo Elettronico dell’Impresa per una maggiore semplificazione nei confronti degli imprenditori. Un ambiente informatico unico in cui sono raccolte tutte le informazioni, i documenti e gli atti concernenti la vita dell’impresa. Ogni Amministrazione, comprese quelle preposte ai controlli, non potrà richiedere all’impresa nessuno dei documenti già consultabili attraverso il Fascicolo Elettronico.

Sistema dei controlli

Il ricorso a controlli e verifiche presso le aziende può avvenire solo dopo l’esame dei documenti archiviati nel Fascicolo Elettronico, inoltre, l’attività di controllo non deve appesantire l’attività d’impresa e garantire tempi certi. Si deve spostare l’asse del controllo dall’impresa all’ente certificatore: vale il principio secondo il quale ciò che è stato oggetto di controllo da parte di un’autorità amministrativa, salvo modifiche intervenute, si considera positivamente verificato e si riconosce pieno valore legale alle certificazioni rilasciate dagli enti preposti.

Conferenza dei servizi telematici

La valutazione degli interessi pubblici complessi connessi al rilascio di autorizzazioni e permessi deve poter avvenire in sede di Conferenza dei Servizi anche in modalità telematica.

Istituzione del garante regionale per le PMI

Principali funzioni: elaborare proposte per favorire lo sviluppo del sistema delle PMI; promuovere le migliori pratiche per le PMI attraverso linee guida e sottoscrizione di convenzioni con gli Enti Pubblici.

Ricerca e Innovazione

Ideazione e promozione di iniziative per lo sviluppo del capitale umano e per il sostegno alla ricerca scientifica nell’ambito di accordi di collaborazione con la rete della ricerca (centri e istituti di ricerca, Enti di governo o territoriali, etc.). Realizzazione di bandi su Smart Cities& Communities, proseguimento dell’investimento sulla banda larga per diminuire ulteriormente il digital divide. Sperimentare un’azione per la creazione di un ambiente di innovazione aperta per favorire i processi di innovazione delle PMI emiliano-romagnole, anche attraverso l’inserimento di personale altamente qualificato in azienda, la partecipazione a progetti internazionali di ricerca, l’ottenimento di brevetti.

Imprese in difficoltà temporanea

Costituzione di un servizio per aiutare le imprese in difficoltà temporanea, attivabile dalla Regione su richiesta dell’azienda e che mette a disposizione professionisti, accesso facilitato al credito e accompagnamento dell’imprenditore durante tutte le fasi di risanamento e rilancio.

Welfare aziendale

Promozione di politiche volte allo sviluppo del welfare aziendale per promuovere una maggiore produttività dell’azienda, per dare un vantaggio fiscale, per migliorare la conciliazione famiglia-lavoro. Esempi concreti di welfare aziendale che possono essere realizzati con il sostegno della Regione sono: asili nido aziendali, borse di studio, dopo scuola e campus estivi, assicurazione e assistenza sanitaria integrativa, contributo di previdenza complementare, etc.

Partecipa anche tu alla definizione dei temi, mandaci le tue proposte #PerContareDavvero.