Accesso alla prima casa e sostegno agli attori dell’edilizia. Approvato il programma regionale

Contrastare la fase recessiva che ha colpito gravemente il settore delle costruzioni e dare un aiuto concreto ai nuclei familiari nell’accesso alla casa, sono gli obiettivi del programma “Una casa alle giovani coppie ed altri nuclei familiari”, approvato dalla Giunta regionale

 

 

La delibera, che sarà proposta all’Assemblea Legislativa regionale, si pone un duplice e ambizioso obiettivo. Da una parte punta a favorire l’accesso alla prima casa ad alcune categorie di cittadini che difficilmente potrebbero soddisfare le proprie necessità abitative alle condizioni di mercato. D’altra parte vuole sostenere gli operatori del settore edilizio, gravemente colpiti dalla crisi economica.

La Giunta regionale ha approvato a gennaio questo programma articolato su due diverse linee d’azione. Saranno incentivati interventi di qualificazione del patrimonio come ristrutturazioni, messe in sicurezza e sostituzioni, promuovendo l’accesso alla proprietà della prima casa, anche attraverso piani di futura vendita, nel rispetto delle normative regionali sul consumo di suolo.

Verrà inoltre incentivato l’utilizzo del costruito esistente, con la prospettiva di ottimizzare il patrimonio edilizio già disponibile.

Il programma mette a disposizione contributi per gli alloggi da 20 mila a 35 mila euro a seconda delle diverse linee di intervento prescelte nell’accesso alle abitazioni. Gli immobili disponibili che saranno oggetto del programma dovranno essere messi a disposizione da soggetti privati (imprese, cooperative, ecc.) aventi i requisiti che un bando emesso dalla Giunta Regionale stabilirà.