3 bollini rosa al Sant’Anna

Onda, l’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna, premia gli ospedali ‘in rosa’, impegnati nella promozione della medicina di genere. Anche quest’anno il S.Anna ottiene il massimo riconoscimento: 3 Bollini Rosa.

I Bollini Rosa sono assegnati a ospedali impegnati nella promozione della medicina di genere e che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie femminili. In 10 anni sono passati da 44 a 306 gli istituti che si sono guadagnati il prestigioso riconoscimento. Le schede con informazioni sui servizi degli ospedali premiati saranno consultabili sul sito www.bollinirosa.it a partire dall’8 gennaio 2018.

A 10 anni dal primo riconoscimento, il S. Anna di Ferrara ha ricevuto ancora una volta il massimo riconoscimento dei 3 bollini rosa, assieme ad altre 70 strutture ospedaliere. Promotore del progetto è Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna, che conferisce i Bollini sulla base di una scala da uno a tre, per il biennio 2018-2019. Si tratta di una riconoscimento che Onda, da sempre impegnata sul fronte della promozione della medicina di genere, attribuisce dal 2007 agli ospedali attenti alla salute femminile e che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie delle donne.

Per l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara hanno contribuito le Unità Operative e i Servizi di: Cardiologia, Diabetologia, Dietologia e Nutrizione Clinica, Neurologia e Clinica neurologica, Endocrinologia e Malattie del metabolismo, Ginecologia e Ostetricia, Medicina della Riproduzione, Oncologia Medica (con i percorsi di prevenzione, Oncologia ginecologica e con i Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali – PDTA – per le donne con tumori alla mammella), Reumatologia, Senologia, Geriatria, Neonatologia e Patologia neonatale, Pediatria, Servizi di accoglienza (percorsi dedicati alle disabilità, ai bambini in ospedale, alle diverse culture religiose ed etnie) e il servizio dedicato alle donne che hanno subito violenza.

L’integrazione con l’Università nello sviluppo della cultura di genere e nella sensibilizzazione alle tematiche della medicina e della salute di genere vede tutti i professionisti della salute di Ferrara impegnati perché donne e uomini abbiano una medicina personalizzata e umanizzata nella cura, nella prevenzione e nella continuità ospedale-territorio.

Nell’anno del decennale, sono 306 le strutture ospedaliere premiate: 71 hanno ottenuto il massimo riconoscimento (3 bollini), 183 2 bollini e 52 1 bollino. Inoltre 13 ospedali hanno ricevuto una menzione speciale per la presenza al proprio interno di un percorso diagnostico-terapeutico dedicato alle donne nell’ambito della cardiologia. La cerimonia di premiazione si è svolta oggi a Roma, al Ministero della Salute.

La valutazione delle strutture ospedaliere e l’assegnazione dei Bollini Rosa è avvenuta tramite un questionario di candidatura composto da oltre 300 domande suddivise in 16 aree specialistiche. Un’apposita commissione multidisciplinare, presieduta da Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ha validato i bollini conseguiti dagli ospedali nella candidatura considerando gli elementi qualitativi di particolare rilevanza e il risultato ottenuto nelle diverse aree specialistiche presentate.

Tre i criteri di valutazione con cui sono stati giudicati gli ospedali candidati: la presenza di aree specialistiche di maggior rilievo clinico ed epidemiologico per la popolazione femminile, l’appropriatezza dei percorsi diagnostico-terapeutici e l’offerta di servizi rivolti all’accoglienza e presa in carico della paziente, come la telemedicina, la mediazione culturale, l’assistenza sociale.